Chi ha la responsabilità di tenere unito il Pd e il Paese non sprechi l’occasione che non è stata data a Prodi

Ora chi ha la responsabilità di tenere unito il Pd e il Paese non sprechi l’occasione che non è stata data a Prodi

(Huffington Post) 15 dicembre 2014 –  “Concordo con il segretario Renzi quando mette in guardia da strumentalizzazioni sull’Ulivo e quando sottolinea che nel confronto/scontro interno al centro sinistra si è impedito di portare a termine ciò che necessitava al Paese.

Nel confronto/scontro che ha avuto luogo tra ulivisti, determinati a portare a compimento il cambiamento necessario al Paese, e quanti lavoravano per impedirlo o per tornare addirittura al passato, il centro sinistra ha sprecato la sua opportunità e, soprattutto- cosa che considero assai più grave- ha danneggiato l’Italia consegnandola alla destra.

Nel 2015 saranno trascorsi 20 anni dall’avvio dell’esperienza ulivista senza cui non sarebbe nato il Pd. Questo stanno a ricordarci quelle foglioline che, con caparbietà,  Prodi volle nel simbolo dem.  Più democrazia governante, e dunque più democrazia e più governabilità.

La salvezza delle istituzioni e della democrazia passa da qui. Era così allora ed è così oggi. Se non avessimo buttato via le due occasioni che gli elettori ci avevano dato gli italiani avrebbero oggi una vita migliore. Questo è il punto su cui serve verità tra noi. E che deve rappresentare un monito.

Se il Pd fallisse la prova della coesione e della capacità di stare al governo sarebbe la sua fine. Ma soprattutto aprirebbe a orizzonti drammatici per l’Italia.

Su questo ci dobbiamo misurare nelle differenze e nella diversità di opinioni.

Su questo si deve misurare però anche e soprattutto chi ha la responsabilità di tenere unito il Pd e il Paese. Questa è la sfida da vincere”.

Print Friendly
Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

Appuntamenti

mese per mese

Nel sito

Facebook

"IlFuturoHaRadiciAntiche"

Iscriviti alla newsletter di Sandra Zampa
Leggi informativa sulla Privacy
Per cancellare iscrizione invia richiesta a info@sandrazampa.it