Accogliere i minori stranieri non accompagnati e avviarli verso la scuola e il lavoro. Non è solo un dovere morale ma anche giuridico

“Cercare un futuro lontani da casa” di Giancarlo Rigon e Giovanni Mengoli. Edizione Dehoniane.

Presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio si è tenuta la presentazione del libro “Cercare un futuro lontano da casa. Storie di minori stranieri non accompagnati”, di Giancarlo Rigon e Giovanni Mengoli. Sono intervenuti, oltre agli autori, Maria Cecilia Guerra, Viceministro Lavoro e Politiche sociali, Sandra Zampa, Vicepresidente Commissione bicamerale Infanzia e Adolescenza, Raffaella Milano, direttore Programma Italia – Europa, Save the Children Italia, Enzo Bianco, ANCI, Sindaco Catania.

Presentazione Libro : “Cercare un futuro lontano da casa. Storie di minori stranieri non accompagnati” from Sandra Zampa on Vimeo.

L’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati non è solo un dovere morale, ma anche giuridico: dobbiamo infatti rispettare la Convenzione di New York che sancisce che tutti i minori di età devono essere accolti. L’Italia ha ratificato questo tattato internazionale con la Legge n. 176 del 27 maggio 1991.

E accogliere significa dare loro una casa, un luogo protetto, identificarli e nominare, nel più breve tempo possibile, un tutore legale. Significa facilitare il loro inserimento presso le comunità di accoglienza e avviare percorsi di scuola e lavoro attraverso mediatori culturali ed esperti che possano intervenire in modo efficace su vissuti così dolorosi.

Significa, quindi, garantire alle stesse comunità possibilità di interventi mirati, realizzabili solo a fronte di stanziamenti certi e programmati di fondi che dalle casse dello Stato passino ai Comuni e da questi alle comunità che abbiano tutti i requisiti richiesti.

Questo libro racconta le vite di alcuni di questi minori, arrivati qui nel nostro Paese e per i quali, presso la struttura dei Padri Dehoniani di Bologna, non solo hanno trovato una casa, ma la possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro. Ma la Legge Maroni, il famoso pacchetto sicurezza dell’ultimo governo Berlusconi, prevede che raggiunto il diciottesimo anno di età questi poco più che ragazzi, siano rimpatraiti a meno che non possano dimostrare di avere un reddito, una casa…

Si comprende bene quanto sia strumentalmente vessatoria questa norma e quanto esponga le istituzioni ad investimenti il cui beneficio viene reso nullo: questi giovani appena maggiorenni fuggono dalle comunità di accoglienza per non essere rimpatriati e cadono, spesso, vittime della criminalità organizzata. Ed è così che il denaro pubblico, investito per la loro formazione ancora incompleta, si trasformi non in un arricchimento per il nostro Paese, ma in uno strumento che produce illegalità. Le norme devono contrastare percorsi deviati e non facilitarli.

Infne è stata depositata, il 4 ottobre scorso, una proposta di Legge bipartisan, disposta con il contributo di Save The Children, che affronta tutto il complesso problema dei minori stranieri non accompagnati. Dovrebbe essere a breve incardinata nel ‘agenda della Commissione competente e, ci auguriamo, vedere la luce nel 2014″.

Guarda la registrazione video dell’incontro

Print Friendly
Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

Appuntamenti

  • Eventi sono in arrivo, resta sintonizzato!

mese per mese

Nel sito

Facebook

"IlFuturoHaRadiciAntiche"

Iscriviti alla newsletter di Sandra Zampa
Leggi informativa sulla Privacy
Per cancellare iscrizione invia richiesta a info@sandrazampa.it