Non possono essere i bambini a pagare la crisi: subito misure concrete contro la povertà giovanile

I dati sulla povertà minorile nel nostro Paese sono sempre più allarmanti. Occorre che il governo si muova subito con misure destinate specificamente alle bambine, ai bambini e agli adolescenti a cominciare da una rilevazione finalizzata nell’ambito della statistica nazionale (ISTAT) e dal monitoraggio sulla spesa pubblica a loro destinate. Lo dichiarano le deputate Sandra Zampa, Vanna Iori e la senatrice Donella Mattesini del Pd.

“Nell’audizione del gruppo CRC di cui fanno parte i più autorevoli soggetti del terzo settore in materia di infanzia e adolescenza abbiamo ascoltato oggi con viva preoccupazione gli interventi dei relatori che ci hanno confermato la gravità della situazione: supera largamente il milione il numero di persone di età minore in stato di povertà.

Ancora più grave risulta il dato secondo cui è proprio la condizione infantile a esporre le persone al rischio maggiore.

I bambini e gli adolescenti sono più a rischio povertà degli anziani: è una condizione che caratterizza tutta l’Europa ma in Italia le cose vanno mediamente peggio di altri paesi europei.

Dopo la mozione sulla povertà minorile, votata in aula nello scorso mese di novembre, le deputate e le senatrici del gruppo PD che fanno parte della Commissione Bicamerale per l’infanzia intensificheranno la propria attività legislativa e politica affinché il governo intervenga anche accelerando la presentazione del piano per l’infanzia e l’adolescenza, assumendo la raccomandazione europea relativa all’obbligo di tutela dei minori e mettendo in campo misure destinate ai cittadini più fragili e più esposti: non possono essere i bambini a pagare la crisi”.

Print Friendly
Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

Appuntamenti

  • Eventi sono in arrivo, resta sintonizzato!

mese per mese

Nel sito

Facebook

"IlFuturoHaRadiciAntiche"

Iscriviti alla newsletter di Sandra Zampa
Leggi informativa sulla Privacy
Per cancellare iscrizione invia richiesta a info@sandrazampa.it