Con Aung San Suu Kyi, ora la Birmania può decidere il proprio futuro

Birmania: elezioni;Zampa (Pd), popolo che vuole paese libero

(ANSA) – ROMA, 8 NOV – “La straordinaria partecipazione al voto in Myanmar conferma che il popolo birmano vuole vivere in un paese libero, democratico e moderno. Lo affermano Sandra Zampa (Pd) e Albertina Soliani. “Onore ad Aung San Suu Kyi per il coraggio, la determinazione e la generosita’ con cui ha condotto la sua battaglia nel segno della non violenza e del dialogo tra tutti i birmani e con il mondo intero.

Oggi Aung San Suu Kyi e’ la guida politica del suo Paese, in assoluto. Verra’ il tempo in cui esercitera’ il ruolo di statista. Una svolta in Birmania, un grande segnale per tutta l’Asia e per il mondo. Da anni noi siamo al suo fianco, convinte come lei che quando fosse stata data al popolo la possibilita’ di esprimersi liberamente, il popolo avrebbe deciso il proprio destino cambiando la situazione politica.

Ha detto in questi giorni il cardinal Charles Bo di Yangon: “Il voto e’ un pellegrinaggio di speranza. Tutti noi intraprendiamo questo pellegrinaggio. Il nostro destino e’ nelle urne”.

La grande, pacifica affluenza alle urne di queste ore e’ la porta spalancata sul futuro. Si dovranno attendere i risultati dello scrutinio e poi avviare trattative tra i partiti per trovare le soluzioni migliori possibili ai problemi politici del Myanmar che e’ solo all’inizio dell’esperienza democratica. Aung San Suu Kyi e’ la guida e la garanzia credibile di un autentico percorso di democrazia in Myanmar, nel Paese e di fronte al mondo. L’Italia e l’Europa – concludono – dovranno continuare a seguire con grande attenzione e interesse la strada che oggi si e’ aperta in Birmania. E’ in gioco non solo il futuro del popolo birmano, ma anche il nostro e quello del mondo“. (ANSA)

Print Friendly
Be Sociable, Share!
abc last nov 8, 2015 Categorie: Media ,Sui mass media
Tag: , , , , .

Lascia una risposta

Appuntamenti

mese per mese

Nel sito

Facebook

"IlFuturoHaRadiciAntiche"

Iscriviti alla newsletter di Sandra Zampa