L’Emilia Romagna farà, come sempre, la sua parte per accogliere gli immigrati in arrivo da Lampedusa

“Ha ragione Marilisa Martelli. Gli adolescenti e i bambini che arriveranno da Lampedusa, classificati con una sigla che per la maggioranza dei cittadini e’ oscura, msna, ma il cui signifcato e’ che non hanno nessuno che si prenda cura di loro, sono molto provati.

Sono fuggiti dalla disperazione, hanno affrontato il mare e la violenza degli adulti, e, per responsabilita’ del governo in carica, sono rimasti settimane pressoche’ abbandonati nell’isola, affidati solo alle cure di Save the children e degli isolani di buon cuore.

Li ho incontrati a Lampedusa: erano agitatissimi perche’ volevano andarsene da li’ e chiedevano di lavorare nonostante la davvero giovanissima eta’ (ce n’erano di 11-12 e 13 anni).

Bene ha fatto il Presidente Errani a dare disponibilita’ per l’accoglienza di una parte di loro. E’ il segno che la nostra terra resta sana in quei valori e principi che l’hanno fatta grande. Sono certa che le nostre strutture di accoglienza dedicate appunto ai minori sapranno aiutarli a crescere e a integrarsi. E sono certa che i bolognesi e gli emiliano romagnoli sapranno essere solidali”.

Print Friendly
Be Sociable, Share!

Appuntamenti

mese per mese

Nel sito

Facebook

"IlFuturoHaRadiciAntiche"

Iscriviti alla newsletter di Sandra Zampa