Basta coi parlamentari nominati dai partiti. Perchè non anche le Primarie per legge?

L. Elettorale: Zampa, Pd non può permettere “nominati”

(AGI) – Roma, 20 gennaio – Sandra Zampa ha messo in guardia sui rischi legati alla proposta di riforme fatta da Matteo Renzi. “Quando ci si trova in una trattativa da chiudere a ogni costo, il rischio maggiore non è non chiudere, ma prendere quello che ci viene offerto o quello che ci sembra l’unica possibilità di chiudere: se fosse così sarebbe una sconfitta”, ha detto la vicepresidente dell’assemblea intervenendo alla direzione del Pd.

“Oggi credo che tutti noi abbiamo ricevuto messaggi, pareri e opinioni, e che una grande parte dicevano ‘Renzi vada avanti'”, ha spiegato, “però non possiamo lasciare che passi l’idea che i nostri parlamentari non vengano scelti dagli elettori. Oppure, caro Matteo, si fa presto a dire ‘non avevamo capito ma non è che ci piace molto'”.

“Pensare a un’idea che metta le Primarie per legge ridarebbe dignità al sistema politico nel complesso e sarebbe un passo in più”, ha sottolineato, “dobbiamo il più possibile lavorare per fare un passo ulteriore o cominceranno a lamentarsi. E poi perchè il Pd non può lasciare che i parlamentari continuino a essere nominati dall’alto”.

L’ultimo richiamo è stato però all’unità: “Togliamoci tutti le magliette di ‘civatiani’, ‘cuperliani’, ‘renziani’ per lavorare tutti assieme e uniti”.

Print Friendly
Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

Appuntamenti

  • Eventi sono in arrivo, resta sintonizzato!

mese per mese

Nel sito

Facebook

"IlFuturoHaRadiciAntiche"

Iscriviti alla newsletter di Sandra Zampa
Leggi informativa sulla Privacy
Per cancellare iscrizione invia richiesta a info@sandrazampa.it