L’azione del governo Prodi per risanare l’Italia.

apr 10, 2008 Categorie: Media ,Vi segnalo
Tag: , , .

zampa03a-cut.jpg

Conti pubblici

Diminuzione del debito pubblico (dal 105 al 103,5% del PIL) con il deficit che si riduce al 2,2% nel 2008. Si arresta la crescita della spesa primaria.

Riduzione dell’Ici sulla prima casa con una ulteriore detrazione pari all’1,33 per mille (fino ad un massimo di euro 303).

Semplificazione ed esonero degli adempimenti contabili per le imprese di minori dimensioni.

Rimborso del 55% delle spese sostenute per l’efficienza energetica delle abitazioni (pavimenti, finestre, infissi, pannelli solari, ecc.).

Detrazione del 36% delle spese per ristrutturazioni edilizie.

Liberalizzazioni

Le liberalizzazioni approvate nel 2006 e nel 2007 hanno permesso alle famiglie italiane un risparmio annuo di spesa tra i 2,4 e i 2,8 miliardi di euro.

Farmaci: 2000 punti vendita in tutt’Italia con sconti medi del 20%, e nuovi posti di lavoro per giovani farmacisti.

Abolizione dei costi di ricarica sulle schede telefoniche con una diminuzione dei costi per la telefonia del 14,6%. Il risparmio complessivo è stato di circa 1,9 miliardi di euro all’anno.

Non più necessario il notaio per i passaggi di proprietà di auto e motorini.

Portabilità dei mutui e divieto di penali per l’estinzione anticipata e per i conti correnti bancari eliminati i costi di chiusura del rapporto.

Giovani

120 milioni di euro per le politiche giovanili.

Detrazione del 19% dei canoni di locazione per gli studenti fuori sede.

Innalzamento a 16 anni dell’obbligo scolastico.

Detrazione del 19% delle spese sostenute per l’attività sportiva di bambini e ragazzi.

Aumento della quota per la ricerca scientifica dal 5 al 10%.

Finanziamento di 100 milioni di euro per il 2007 per le attività di formazione.

Stato sociale

Riforma dell’età pensionistica.

300 euro di aumento per le pensioni più basse.

Incremento delle pensioni sociali fino a raggiungere 580 euro mensili dal 1.1.2008.

Aumento del 15% degli assegni familiari.

Detrazione del 19% sui mutui per l’acquisto della prima casa e fondo di solidarietà per chi non riesce a pagare le rate causa l’aumento dei tassi di interesse.

Detrazione Irpef (fino a 300 euro) per gli inquilini con reddito non superiore a 30.000 euro.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
abc last apr 10, 2008 Categorie: Media ,Vi segnalo
Tag: , , .

Appuntamenti

  • Eventi sono in arrivo, resta sintonizzato!

mese per mese

Nel sito

Facebook

"IlFuturoHaRadiciAntiche"

Iscriviti alla newsletter di Sandra Zampa
Leggi informativa sulla Privacy
Per cancellare iscrizione invia richiesta a info@sandrazampa.it